Federico Lombardozzi - presidente casaideale property finder romaSono Federico Lombardozzi, esperto in mediazioni immobiliari, presidente e fondatore di CasaIdeale.

Anche io voglio raccontarti la mia storia.

Sono nato e cresciuto in un’agenzia immobiliare.
Mio padre diplomato geometra, esercita con successo questa professione da 30 anni.
Ricordo ancora di quando ero poco più di un bambino e risposi al telefono dello studio di mio padre e diedi informazioni ad una signora molto gentile riguardo ad una casa in vendita. Questa donna rimase così sbalordita da questo nostro incontro telefonico, che quando richiamò per fissare l’appuntamento di visita non resistì a riferire a mio padre il suo stupore! Bene, quel mio primo contatto si trasformò in breve tempo in una vendita, la mia prima vendita a soli 9 anni!
Fino all’età di 21 anni guardai questa professione dalla “finestra”, fino al giorno in cui abbandonati gli studi universitari mi dedicai a tempo pieno ad affiancare mio padre qualunque cosa egli facesse!

L’affiancamento durò quattro anni, quando ormai convinto di voler seguire le orme di mio padre decisi di iniziare a frequentare il corso di abilitazione alla professione dell’agente immobiliare. Iniziai a studiare a fondo le normative che disciplinano l’attività, mi cimentai nello studio dell’estimo ed infine affrontai con successo prima l’esame interno e poi quello abilitante presso la camera di commercio di Roma.

Il 18 Gennaio 2012 aprì la mia partita IVA ed iniziò la mia folle corsa alla conquista del mercato immobiliare.

Durante questi anni prima di affiancamento a mio padre, poi di attività autonoma, ho avuto modo di conoscere a fondo la realtà di molte persone che credono di essere agenti/consulenti immobiliari, ma che nella realtà sono poco più di venditori ambulanti; ho avuto modo, aime, di collaborare con soggetti il cui modus operandi mi ha quasi sconvolto! Entro brevemente nel dettaglio per far capire anche a te di che pasta sono fatti alcuni pseudo professionisti immobiliari.

Proviamo a pensare in grande, ad una grande organizzazione immobiliare e paragoniamola ad una piramide con tre gradoni. Al vertice troveremo sicuramente un soggetto regolarmente iscritto ed abilitato alla professione; al secondo gradone della piramide, troveremo una serie di soggetti provenienti da una miriade infinita di altri settori (fisioterapisti, agenti di commercio, avvocati, architetti, pizzettai, etc…) che con l’immobiliare non hanno nulla a che vedere, ma come avrai intuito sono persone che hanno parecchi contatti nel loro database. A questi soggetti è stato detto che con l’immobiliare si fanno soldi a palate, basta avere una decina di persone sottoposte che operino per loro! Queste persone si sono così aperte la loro agenzia in affiliazione, reclutando con annunci “Cerchiamo agenti immobiliari. Garantiamo un fisso e alte provvigioni”. Ecco che si sta formando l’ultimo gradone piano di ragazzi poco più che diplomati, pieni di sogni e buona volontà! Bene, oltre a rappresentare il fondo della piramide, questo sistema riflette il declino della dignità di un’ampia fetta di soggetti che si credono agenti immobiliari. La giornata tipo di queste persone è la seguente:

Al mattino:

–        Raduno in agenzia per mini riunione “gasante”, consegna di un plico di volantini, di un block note e di una penna.

–        Inizio della cosiddetta “zona per fare notizia”. Ti starai chiedendo cosa diavolo significa questa frase. Queste due parole, zona e notizia, racchiudono una serie di operazioni che dovrebbero produrre incarichi di mediazione. Questa operazione si traduce con un’altra frase di minore effetto: il porta a porta (citofonare ai condòmini per chiedere la fatidica domanda: sta vendendo casa o conosce qualcuno nel palazzo che vende casa?). Se il povero rampollo risultasse fortunato, risparmiandosi l’offensiva risposta senza mezzi termini alla suddetta domanda, potrebbe venire a conoscenza di qualche proprietario alle prese con la vendita del proprio appartamento, ma nella stragrande maggioranza delle volte questo approccio si trasforma in un incarico verbale a “zero commissioni” ossia a gratis! È come dire, ti vendo l’auto al costo di produzione, ma pensi sia possibile per una struttura piramidale a tre gradoni, dove il vertice guadagna sul fatturato del secondo gradone, ed il secondo gradone guadagna sul terzo? Ovviamente no, a meno che non si tratta di una ONLUS. L’altra faccia della medaglia è una mega provvigione a chi compra che si aggira tra i 5% ed il 6% più IVA.

Pausa pranzo.

Al pomeriggio:

–        decine di telefonate a numeri raccolti dai maggiori portali immobiliari, qualche anno fa si utilizzava l’inserto cartaceo di Porta Portese. Anche in questo caso la domanda è sulla falsa riga di quella della mattina: lei è il proprietario dell’appartamento in vendita? Ipotizzando che la risposta sia sì, la domanda a seguire sarebbe: bene, ho il database carico di richieste di potenziali acquirenti per appartamenti identico al suo, ci incontriamo domani per una valutazione gratuita?

Alla sera:

–        resoconto della giornata con il boss a capo dell’agenzia.

Questo approccio, che ti ho appena descritto, per me è intollerabile e denigrante. È come un Notaio che in cerca di atti, si mettesse a citofonare per offrire il suo servizio a costo zero! Immagini quei poveri ragazzi, affamati di quel 10% di storno provvigionale, che ricevono decine di volte insulti e parolacce dai proprietari esasperati da un comportamento al limite dello stolking?

Come avrai dedotto, questo non è il mio modus operandi. È inconcepibile per uno che è cresciuto alla vecchia maniera, che ha come maestro un agente immobiliare d’altri tempi!

In tutti questi anni i clienti si sono autoprodotti con un semplice, ma infallibile, meccanismo: il PASSAPAROLA. È come quando vai a mangiare in un buon ristorante che non vedi l’ora di riferirlo al tuo migliore amico o a tuo fratello!

Ho sempre combattuto con tutti i venditori di fumo che si spacciano per agenti immobiliari professionisti e che poi non si curano di verificare se una planimetria è conforme allo stato dell’immobile, o peggio che non si preoccupano di verificare la situazione urbanistica.
Ho sempre detestato quei consulenti che promettono di venderti casa a un prezzo di mercato maggiore del 25% solo per prenderti l’incarico, per poi portarti proposte inferiori di 100.000 euro!

(questo quando la scriveremo)tra l’altro puoi scaricare la guida che abbiamo scritto qui->> _________ dove spiego come le solite pratiche da agenzia immobiliare ti fanno solo perdere tempo e soldi e perché non gli devi dare retta. Leggila sono sicuro che ti sarà utile.

Per molto tempo ho sognato di creare una cosa nuova che andasse a soddisfare i bisogni dei clienti in modo innovativo.. Una realtà che potesse diventare un punto di riferimento!

Per fare cose grandi bisogna essere grandi. E bisogna essere in più di uno.
L’ 8 maggio parlando con il mio amico Claudio Cicchilli, ex suonatore di campanelli pentito, decidiamo di fondere le nostre esperienze e le nostre aspirazioni in un progetto comune, che avrebbe innovato profondamente il settore delle intermediazioni immobiliari.

Da una chiaccherata davanti ad un mac e due scarabocchi sulla carta nasce CasaIdeale. Il sogno comincia a prendere forma.